Partendo dal presupposto che il concetto è ancora in evoluzione e che attualmente nessun marchio o prodotto è completamente etico e sostenibile, per fare una buona scelta come consumatore, la cosa più importante è selezionare quelle aziende che sanno guardare lontano e che realmente si impegnano per la salvaguardia dell’ambiente e per migliorare il mondo in cui viviamo.

Esistono alcune certificazioni che sono considerate etiche e sostenibili, come BIO, VEGAN e CRUELTY FREE, oppure SENZA OLIO DI PALMA. L’acquisto di qualsiasi prodotto che soddisfi questi criteri è senza dubbio un passo avanti nella giusta direzione per la scelta.

Cosa significa CRUELTY-FREE?

E’ una frase che troviamo nei prodotti i cui ingredienti non sono stati testati su animali in nessuna fase del loro sviluppo. Però se lo stesso prodotto contiene Olio di Palma, responsabile della devastazione di migliaia di ettari di foreste pluviali e di conseguenza, di tutti gli animali che vivono in essa, lo possiamo ancora definire Cruelty Free?

Forse non proprio, quindi attenzione a fidarci ciecamente dei simboli, valutiamo bene anche gli ingredienti presenti.

Cosa significa VEGAN OK?

Sono tutti quei prodotti che non contengono sostanze di origine animale, come stabilisce l’etica di base del Veganesimo.

I prodotti vegani però POSSONO CONTENERE Olio di Palma, che non è un sottoprodotto o un ingrediente animale.

Ma la crescita e la raccolta di questa coltura è direttamente responsabile della distruzione delle foreste pluviali e della morte e sfollamento di milioni di specie, in questo caso come possiamo valutare un prodotto di questo tipo?

Inoltre i prodotti Vegani possono contenere anche ingredienti che non sono biologici o naturali e possono addirittura essere testati sugli animali, in quanto non esiste una legge in merito che lo vieta, quindi tutto ciò non vi sembra un paradosso!

BIOLOGICI E NATURALI

Sono i prodotti che non contengono OGM e tutta una serie di altre sostanze potenzialmente negative per la nostra pelle.

La maggioranza degli ingredienti presenti nei prodotti biologici, e in alcuni casi nei naturali, provengono da agricoltura biologica, però possono essere testati su animali, contenere sottoprodotti di origine animale e anche Olio di Palma.

IMBALLAGGI ED INGREDIENTI

Packaging dei prodotti

I marchi che guardano all’etica e alla sostenibilità utilizzano anche packaging biodegradabili e/o compostabili.

Purtroppo questi tipi di contenitori, pari a rifiuti zero, non sono ancora ampiamente disponibili nel mercato, di conseguenza dobbiamo preferire tutti quei prodotti contenuti in plastiche vegetali e/o riciclate, in imballaggi riciclabili come il vetro o con contenitori o accessori (tappi, dispenser, erogatori etc) monomateriale, cioè composti di un solo tipo di materiale che può essere riciclato e non conferito nei rifiuti indifferenziati.

Materie prime

Un’altra cosa importante da tenere presente nelle selezioni dei marchi sostenibili è il loro impegno nella ricerca di ingredienti etici.

Un ingrediente è etico quando viene valutato come è stato ottenuto, chi è stato coinvolto nella sua lavorazione e se tutto il processo produttivo è stato svolto in maniera equa.

Un MARCHIO ETICO è quello la cui azienda riesce a garantire un ambiente di lavoro sicuro ai suoi dipendenti, nel rispetto del lavoro e dei diritti umani, senza discriminazioni di razza o genere.

E’ un’azienda attenta all’ambiente, che predilige energie rinnovabili, che monitora le sue emissioni di CO2 e che mette in atto soluzione per diminuire il suo impatto negativo nell’ambiente.

Tale approccio viene esteso anche a tutti i suoi fornitori o partner esterni, al fine di garantire una visione comune nei confronti di un impatto ambientale e sociale positivo.

Queste sono le caratteristiche di un brand con visione positiva, che vuole contribuire alla “bellezza del mondo” in perfetta sinergia con la natura, l’uomo e l’ambiente.